Google+

AMERICA'S CUP 2013 - Maremmawebtv

Vai ai contenuti

Menu principale:

smoker eletronic cigarettes<br />Via Emilia 45/47 GROSSETO<br />
 

Luna Rossa  New Zealand
Sabato, 24 agosto: Final Race 7 (13:10 orario locale, 22:10 ora italiana), Final Race 8 (14:10 orario locale, 22:10 ora italiana)

Dopo la sconfitta nella prima Race, Luna Rossa è riuscita ad ottenere il successo in una regata fortemente condizionata da i problemi idraulici fatti registrare dall'imbarcazione avversaria: New Zealand ha dovuto infatti interrompere la propria gara quando si trovava al comando con quattrocento metri di vantaggio.

Dopo i rinvii di sabato e domenica, si riparte con le regate 3 e 4: le sensazioni non sono troppo positive per il team italiano. I kiwi sono apparsi assolutamente superiori, anche nella Final Race 2 persa.

Per chi volesse seguire le prossime sfide tra Luna Rossa e New Zealand è necessario munirsi di un personal computer e una connessione: la finale di Louis Vuitton Cup 2013 ha infatti fatto registrare un certo disinteresse da parte delle emittenti italiane che non trasmetteranno la diretta tv. La diretta streaming sarà invece garantita sul canale ufficiale Youtube dell'America's Cup. Vi basterà digitare 'America's Cup' nel campo ricerca della nota piattaforma di condivisione video per accedere al contenuto live.

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________




Stupenda Luna
Rossa impressiona navigando più veloce del vento

Luna Rossa Challenge ha conquistato il secondo posto della sua Louis Vuitton Cup, l’America’s Cup Challenger Series, bordeggiando in condizioni di vento leggero.

La brezza da sudovest ha infatti raggiunto una punta massima di 13 nodi e l’equipaggio dello skipper Max Sirena ha coperto i cinque lati del percorso lungo 9.21 miglia in 43 minuti e 6 secondi alla media di 17,66 nodi. La velocità massima registrata è stata di 26,37 nodi durante la prima poppa, con vento oscillante tra gli 8 e i 10 nodi.

Luna Rossa Challenge 2013 regaterà nuovamente contro Emirates Team New Zealand domenica prossima e Max Sirena ha detto: “Cercheremo di navigare il più possibile: sembra che domani ci sarà vento, speriamo. Vogliamo giungere al match di domenica in condizioni migliori”.

Riguardo la regata di oggi:

Luna Rossa Challenge ha regatato su un percorso di cinque lati
Lunghezza percorso: 9,21 miglia
Distanza percorsa: 12,61 miglia
Velocità media: 17,66 nodi
Velocità massima: 26,37 nodi
Velocità media del vento: 9,37 nodi (massima 13,1 nodi)
Dichiarazione di Max Sirena, skipper di Luna Rossa Challenge 2013:

Riguardo il vento leggero: “Oggi è stata una giornata di vento veramente leggero, di quelle che non ti aspetti a San Francisco. Dobbiamo comunque abituarci perché potrebbero essere condizioni che ritroveremo in futuro. L’importante per noi è ottimizzare il tempo speso in acqua”.
Sulle performance dell’AC72: “Regatare con 4-5 nodi d’aria non è emozionante, ma almeno con l’AC72 si naviga. Con le vecchie barche, in una giornata come oggi, avremmo ciondolato sotto il Golden Gate trasportati dalla corrente. Ci sono stati alcuni momenti nei quali abbiamo navigato molto bene”.
Dichiarazione di Stephen Barclay, CEO dell’America’s Cup Event Authority:

Sulla folla che ha gremito l’America’s Cup Park: “Sabato si sono registrati almeno 18.000 spettatori all’America’s Cup Park, sui Pier 27/29, e circa 4.000 all’America’s Cup Village, presso il Marina Green. Domenica, invece, abbiamo avuto 12.000 spettatori qui al Park. Ieri, in un giorno in cui non erano in programma regate, il transito di persone è stato di circa 4.000 persone presso l’America’s Cup Park. Sono numeri in linea con le aspettative, destinati ad aumentare con il procedere della Summer of Racing”.

____________________________________________________
    
AMERICA'S CUP 2013
AMERICA'S CUP 2013
23/07/2013

Artemis "finalmente" vara la sua barca con la livrea blu

Okay, ha vinto Team New Zealand usando solo l’ala rigida. Ma a casa Luna Rossa gli animi sono distesi. e ci si prepara per la regata di stasera, sempre contro i kiwi (21.15 su youtube).

“Il fatto che Emirates Team New Zealand non abbia perso molta velocità nonostante navigasse senza fiocco non ci ha stupito.” dice lo skipper Max Sirena. “Avevamo già sperimentato in precedenza quanto sia l’ala a determinare la velocità effettiva degli AC72. Di bolina il fiocco aiuta nelle virate e, in alcune condizioni, a stringere qualche grado di più, ma costituisce anche un attrito. Questa settimana siamo riusciti a ridurre il distacco con i neozelandesi lavorando non solo su alcuni aspetti tecnici ma anche sulla gestione dell’imbarcazione e delle manovre. Abbiamo iniziato questa campagna di Coppa America con più di anno di ritardo rispetto agli altri team e stiamo utilizzando i Round Robin per mettere a punto l’assetto a bordo e gli aspetti progettuali in vista delle semi-finali della Louis Vuitton Cup. Siamo sulla buona strada ma dobbiamo ancora progredire sia nella tecnica che nelle manovre.”

Qualcosa si muove anche a casa Artemis, che ha varato finalmente la sua seconda barca, con livrea blu. “Questo è un gran momento per molte ragioni”; ha detto il proprietario di Artemis Racing Torbjorn Tornqvist, “è la conclusione di uno sforzo eroico per mettere insieme questa splendida barca… Lo shore team ha messo molto del suo in questo, e ora per il nostro sailing team è ora di andare là fuori e darle giustizia. Sono fiero di condividere con voi questo grande momento”. La messa a punto continua.

Una notizia poi, anche da Napoli. Per la discussa tappa delle Ac World Series la procura partenopea ha indagato anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il presidente della giunta regionale della Campania Stefano Caldoro e l’ex presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro. Sono accusati di turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Sotto la lente dei magistrati la scelta dell’Unione industriali come partner privato dell’Acn, la società che ha gestito le due edizioni della Coppa America che si sono svolte a Napoli: secondo l’accusa, infatti, il partner privato si sarebbe dovuto scegliere con una gara pubblica. Precedentemente la procura di Napoli aveva indagato il fratello del sindaco, Claudio de Magistris, il presidente dell’Unione industriali di Napoli Paolo Graziano, il capo di gabinetto di De Magistris Attilio Auricchio, e Mario Hubler.


PROMO DEL MESE !
Offerta da Techno Edilizia S.r.l.
  
 10% di sconto per
La nuova installazione
Linea Vita Wurth per info qui





 
 
 
Protected by Copyscape Duplicate Content Detection Software
Get our toolbar!
Torna ai contenuti | Torna al menu